Indice
Contenuto Torna all'indice

Modulistica ufficio anagrafe

01/02/2010 | Richiesta passaporto

E’ il documento di riconoscimento personale che permette l’espatrio. Ha una validità di dieci anni.

Modulo richiesta passaporto.

11/04/2012 | NORMATIVA RELATIVA AI DOCUMENTI PER L'ESPATRIO DEI MINORI

Il Ministero dell'InternoDirezione centrale per i Servizi Demografici, con la Circolare n. 7 del 15 marzo 2012 , ha comunicato che a partire dal 26 giugno 2012, i minori che viaggiano devono avere ciascuno il proprio documento di viaggio individuale e non possono pertanto essere iscritti sul passaporto dei genitori.

Tale data infatti costituisce il termine ultimo per l'applicazione della disposizione di cui al Regolamento (CE) n. 2252/04, il quale prevede che i passaporti ed i documenti di viaggio siano rilasciati come documenti individuali. Da tale data, quindi, è necessario che tutti i minori abbiano un passaporto individuale. Conseguentemente, sempre dalla stessa data, non risulterà più valido, quale titolo di viaggio per il minore, l'iscrizione sul passaporto del genitore.

Il Ministero della Giustizia precisa che, a fronte del diritto all'espatrio previsto dall’art. 16 della Costituzione, si pone il limite della tutela dei minori riconosciuto quale prevalente esigenza di pubblico interesse; tali presupposti fanno che, in sede di richiesta di un documento valido ai fini dell'espatrio per un minore (carta d’identità o passaporto), al fine di assicurare particolari forme di garanzia nei confronti dei minori stessi, è sempre necessario che la richiesta sia completa dell'assenso espresso da entrambi i genitori, anche nel caso di figli conviventi o affidati ad un solo genitore.

SI ALLEGA CIRCOLARE DEL MINISTERO.

01/02/2010 | Carta di identità

La carta d'identità è un documento di riconoscimento rilasciato a tutti i cittadini dalla nascita, con una validità differenziata a seconda all'età del titolare:

  • minori di 3 anni - triennale
  • dai 3 ai 18 anni - quinquennale
  • maggiori di 18 anni - decennale.

E' possibile richiedere una nuova carta di identità nei 180 giorni precedenti la scadenza.

 Il D.L. n. 5/2012 ha stabilito che le carte d’identità rilasciate a partire dal 10/02/2012 riporteranno la scadenza corrispondente al giorno del compleanno del titolare successivo alla scadenza decennale altrimenti prevista per il medesimo documento.

 

Precisazioni sulla validità delle carte già rilasciate:

Il decreto legge n.112 del 25 giugno 2008 all'articolo 31 dispone la proroga della durata di validità della carta di identità da 5 a 10 anni.  Essa non deve essere rinnovata qualora si cambi indirizzo, professione, stato civile, poichè lo scopo della carta d'identità è unicamente l'identificazione del titolare.

L'ufficio Anagrafe provvedono, su richiesta, alla convalida del documento apponendo un timbro con la dicitura “validità prorogata, ai sensi del D.L. 25 giugno 2008, n. 112 fino al ……….”.

Si può comunque procedere alla sostituzione della carta d'identità, seppur valida, con una nuova carta d'identità la cui validità decennale decorrerà dalla data del rilascio.

ATTENZIONE:  Il Ministero dell'Interno segnala dei disagi per il mancato riconoscimento delle Autorità di frontiera di un significativo numero di Paesi esteri della carta d'identità prorogata con apposizione del timbro o della carta d'identità elettronica prorogata con consegna di un documento attestante la nuova scadenza.
I cittadini che intendono recarsi all'estero, possono perciò sostituire la carta d'identità da prorogare o già prorogata, seppur valida, con una nuova carta d'identità la cui validità decennale decorrerà dalla data del rilascio, previo pagamento del nuovo documento e ritiro di quello in possesso degli interessati

12/06/2012 | Cambio di residenza

 NOVITA':

 L'art. 5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35,  introduce nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche di cui all'art. 13, comma 1, letto a), b) e c) del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223 (ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE E DALL'ESTERO, CAMBIO DI ABITAZIONE ALL'INTERNO DEL COMUNE, EMIGRAZIONE ALL'ESTERO), nonché il procedimento di registrazione e di controllo successivo delle dichiarazioni rese. Peraltro, va da subito precisato che le disposizioni del decreto-legge acquistano efficacia dal9 maggio 2012 (art. 5, C. 6).

I cittadini possono presentare tutte le dichiarazioni anagrafiche (cambio di residenza con provenienza da altro comune o dall'estero, cambio di abitazione nell'ambito dello stesso comune) non solo allo sportello comunale, ma anche per raccomandata, per fax o per via telematica.

La trasmissione telematica è consentita mediante una delle seguenti modalità:

-  mezzo RACCOMANDATA POSTALE, all'indirizzo: Comune di Corzano - Ufficio Anagrafe, Piazza Vittorio Veneto n.1, 25030 Corzano (BS)

mezzo fax al numero 030/9971790

- mezzo PEC all'indirizzo di posta elettronicacomune.corzano@legalmail.it

mezzo e-mail semplice all'indirizzo di posta elettronica:  info@comune.corzano.bs.it 

Quest' ultima possibilità è consentita ad una delle seguenti condizioni: 

  • che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale; 
  • che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione; 
  • che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante; 
  • che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice. 

La dichiarazione, per essere accettata, deve contenere necessariamente tutti i dati obbligatori previsti negli appositi moduli. Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento di identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.

Il cittadino proveniente da uno Stato estero, ai fini della registrazione in anagrafe del rapporto di parentela con altri componenti della famiglia, deve allegare la relativa documentazione, in regola con le disposizioni in materia di traduzione e legalizzazione dei documenti.

 ITER A seguito della dichiarazione resa l'Ufficio Anagrafe procederà immediatamente, e comunque entro i 2 (DUE) giorni successivi, a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data di presentazione delle dichiarazioni medesimi. TUTTAVIA provvederà altresì ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l'iscrizione (o la registrazione) stessa e se, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l'iscrizione (o la registrazione) si intende confermata.

Dal momento della registrazione (entro i 2 giorni lavorativi successivi), si potranno ottenere certificati di residenza e stato di famiglia; solo dopo la cancellazione dal comune di precedente iscrizione anagrafica, in caso di iscrizione per "immigrazione", si potranno ottenere tutti gli altri certificati anagrafici.

CONSEGUENZE IN CASO DI DICHIARAZIONI MENDACI

I commi 4 e 5 dell'art. 5 del decreto-legge in esame disciplinano la fase successiva alla registrazione delle dichiarazioni rese, ovvero quella che attiene all' accertamento dei requisiti previsti per l'iscrizione anagrafica o per la registrazione dei cambiamenti di abitazione, nonché agli effetti derivanti dagli eventuali esiti negativi di tali accertamenti.

In particolare, il citato comma 4 prevede che in caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace. Il comma 4 ribadisce inoltre quanto già previsto dal1'art. 19, c. 3, del D.P.R. n. 223/1989, in merito alla segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.

Inoltre la norma prescrive, in caso di non rispondenza allo stato di fatto, il ripristino delle registrazioni anagrafiche antecedenti alla data della dichiarazione resa: 

  • nel caso di prima iscrizione anagrafica (dall'estero o da irreperibilità) si procederà a cancellare l'interessato con effetto retroattivo a decorrere dalla dichiarazione; 
  • nell'ipotesi di iscrizione con provenienza da altro comune o dall'estero del cittadino iscritto all' AIRE si cancellerà l'interessato dalla data della dichiarazione e dame immediata comunicazione al comune di provenienza o di iscrizione AIRE al fine della tempestiva iscrizione dello stesso con la medesima decorrenza;
  •  nel caso di cambiamento di  abitazione si registrerà nuovamente l'interessato nell'abitazione precedente, sempre con la decorrenza già indicata. 

in allegato trovate i seguenti moduli:

- richiesta iscrizione

- Dichiarazione di residenza - Allegato A : documentazione necessaria per l’iscrizione anagrafica di cittadini di Stati non appartenenti all’Unione  Europea.

- Dichiarazione di residenza - Allegato B: documentazione necessaria per l’iscrizione anagrafica di cittadini di Stati appartenenti all’Unione Europea.

01/02/2010 | Certificazioni anagrafiche

Sono meri atti amministrativi rilasciati dall'Ufficio Anagrafe in carta libera o in carta da bollo (dipende dall'uso) attestanti le generalità delle persone cui la certificazione si riferisce.

02/02/2010 | Autenticazione di copie

Consiste nell’attestazione di conformità della copia all’originale, ossia nel verificare l’autenticità di un documento. La copia del documento può essere autenticata:

01/02/2010 | Autenticazione firma

Consiste nel verificare l’autenticità della firma, apposta in presenza di un pubblico ufficiale, previa identificazione del soggetto. Sono abilitati all’autenticazione il funzionario competente a ricevere la documentazione, un notaio, un cancelliere, un segretario comunale, un funzionario incaricato dal Comune.

01/02/2010 | Elettorale

L'Ufficio Elettorale rilascia i documenti ed i certificati relativi all'esercizio del diritto di voto e si occupa, per la parte di competenza dell'Amministrazione Comunale, dell'organizzazione delle consultazioni popolari. (scarica anche Richiesta iscrizione Albo Scrutatore e Richiesta iscrizione Albo Presidenti di Seggio)

10/02/2010 | Richiesta pubblicazione di matrimonio

Consiste nella procedura preliminare al matrimonio, che verifica l’inesistenza di impedimenti alla celebrazione del matrimonio stesso e ne dà pubblico avviso a tutta la cittadinanza attraverso un’affissione all’albo pretorio del Comune.

Torna all'indice